venerdì 22 gennaio 2010

Pagnotta con Salame & Caciocavallo

Rustic No-knead Bread

...Senza impastare e con Lazzaro, il mio lievito madre!! Sì, perchè da quando ho comprato il libro di Jim Lahey nel week end non faccio altro che NON impastare usando il mio Lazzaro di scorta. Dovete infatti sapere che ultimamente pendolo (Londra-Milano) ogni week end e ogni volta porto con me Lazzaro; lo devo avere costantemente sotto gli occhi se no mi preoccupo. Quindi la tiritera settimanale con il lievito madre, partendo da un venerdì qualunque come oggi, è la seguente:
- Venerdì, all'alba: rinfresco e divisione nel vasetto che rimane in England (non si sa mai!) e barattolino di plastica che viaggia con me e che praticamente sta tutto il giorno in lab sulla mia scrivania....
- Venerdì, sera: Tiro fuori dal frigo LazzaroInItaly (che lascio come scorta dal lunedì mattina) e via a nanna..
- Sabato, mattina: Rinfresco LazzaroViaggiatore e via nel vasetto per tutto il week end e utilizzo LazzaroInItaly nei più svariati modi quasi sempre NON impastando...lo divido e in 3 ciotole preparo tre non-impasti diversi a secondo di come mi gira e di quello che ho a disposizione...
- Lunedì, all'alba: rinfresco LazzaroViaggiatore e divisione nel vasetto, Lazzaro che rimane a casa in Italy e nel barattolo, LazzaroV. che vola con me e che si fa un altro giorno di lab sulla mia scrivania...
- Martedì mattina: rinfresco LazzaroViaggiatore (che se ne sta buono fino a venerdì mattina) e ahimè LazzaroInEngland finisce nel compost perchè proprio non ce la fo a fare altro pane....
Come avete capito, sono una pazza assolutamente irrecuperabile....e non sto a parlarvi dei controlli in aereporto o del mio LazzaroBook, dove annoto tutto (pH, data del rifresco, profumo, etc etc) perchè altrimeni mi togliete il saluto!!!

Ritornando alla pagnotta di oggi...sabato scorso apro il frigo e vedo un culetto di salame e un pezzo di caciocavallo che son lì senza far niente e allora ho deciso di utilizzarli in uno dei tre non impasti. Ne è venuto un pane molto buono dal sapore rustico e deciso, adattissimo per una scampagnata primaverle, il picnic di pasquetta con le uova sode (lo so, lo so che fuori fa freddo....ma mi porto avanti!) o semplicemente come aperitivo tagliato a cubotti (magari un po' tostati) con un bicchiere di bollicine...

NO-KNEAD PAGNOTTA con SALAME & CACIOCAVALLO

450g Farina (Rieper Gialla, grazie Wiggi!!!!!!!!!)
300g Acqua
100g Lievito madre
120g Salame a cubetti
150g Caciocavallo stagionato a cubetti (*)
Sale, niente o giusto 2-3g perchè risulta molto saportito già così
Farina o crusca per spolverare

Sciogliere bene il lievito madre nell'acqua in una ciotola, unire il resto degli ingredienti e mescolare con un cucchiaio di legno fino a quando non si vede più farina (i'impasto rimane rugoso) Coprire con pellicola e lasciare lievitare a temperatura ambiente per 12-18 ore, fino a quando è raddoppiato e la superficie è ricoperta di bolle. Infarinare molto bene il piano di lavoro, rovesciarvi l'impasto e piegarlo su se stesso un paio di volte (serve per dare forza al glutine) formando un palla. Infarinare bene un panno di cotone pulito, appoggiarvi l'impasto facendo attenzione ad avere la chiusura sotto, chiudere il panno e lasciare lievitare per 1-2 ore, comunque fino al raddoppio. Prova dito: in un punto nascosto affondare delicatamente un polpastrello e se l'impronta lasciata non torna indietro, l'impasto è pronto. Circa una mezz'oretta prima della fine della seconda lievitazione, accendere il forno a 250°C e inserire una pentola con coperchio che sia grande abbastanza da contenere l'impasto (l'ideale sono quelle in ghisa , tipo Le Creuset). Quando il forno arriva in temperatura, tirare fuori la pentola e velocemente rovesciare dentro l'impasto (la chiusura della palla a questo punto sarà sopra), chiudere e cuocere coperto per 30', poi scoprire e cuocere per altri 15-30' a seconda di come si vuole la crosta. Una volta cotto farlo raffreddare su una gratella per almeno un'ora prima di tagliarlo.

(*) Se il caciocavallo è molto stagionato o comunque saporito, usarne solo 100g e portare il salame a 150g.

Un sorriso con Lazzaro pronto nel trolley,
D.

22 commenti:

  1. Ciaooo,
    sei troppo simpatica: mi hai fatto tanto ridere con lazzaro viaggiatore!
    Complimenti per il tuo blog!

    RispondiElimina
  2. Lazzaro è davvero il compagno ideale...
    -viaggia sempre con te
    -si fa in 4 (ed anche di più) per te
    -non ti da troppo da fare
    -è sempre attivo
    -ti fa sepre fare bella figura
    che vuoi di più?

    Io lo assaggerei questo non impasto!

    Un bacio a te ed un saluto a Lazzaro dentro la valigia,
    B

    RispondiElimina
  3. ti capisco perfettamente con lazzaro. anch'io con il mio piccolo Blob sto facendo le stesse follie. me lo porto dietro ovunque vada, e lo coccolo come un neonato...

    bella la pagnotta senza impasto!

    RispondiElimina
  4. Il saluto te lo sei già giocato.
    E soprattutto...chi è che ti ha fatto la spia su quello che c'è nel nostro frigo???

    RispondiElimina
  5. Wow...son bellissime queste pagnotte! e devono essere gustosissime!! un abbinamento ch efunziona da solo..quindi perchè non farci un bel pane?!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. I viaggio di Lazzaro, potrebbe essere il titolo di un libro o di un film!! Pagnotta saporitissima....

    RispondiElimina
  7. urge rieper gialla anche qui.
    Wiggi?
    ;-)

    Grande Lazzaro e grande Dile!

    RispondiElimina
  8. Mi ricordi straordinariamente la mia socia :-)))): Ale farebbe sicuramente lo stesso, nella tua situazione!! Bacioni sorridenti
    Dani

    RispondiElimina
  9. Bellissimo! veramente da addentare! credo che solo per un grande amore si possa fare tutto sto tram tram! Ovviamente parlo di Lazzaro! Certo io, che pure sono fissatella, il ph non lo annoto! devo mettermi in riga!

    RispondiElimina
  10. Attenta a Lazzaro metti che lo scambiano per esplosivo al plastico altro che lievitazione naturale ahahahaha
    Questo pane è spettacolare!
    Complimenti ed attenta a Lazzaro :P

    RispondiElimina
  11. Che ridere leggere di Lazzaro il lievito viaggiatore!...chissà se prima o poi mi cimenterò pure io con il lievito tamagochi!:)
    cmq ti invidio sta pagnotta, ricca e gustosa, ti è venuta uno splendore...il libro dà i suoi frutti!
    Anche io tempo fà facevo spesso tappa a Londra...ed ogni volta che entravo da Waterstone ci lasciavo l'obolo in libri di cucina....ahhh!
    :)
    buon weekend!
    Terry

    RispondiElimina
  12. Tu e Lazzaro avete la mia ammirazione più incondizionata :))

    RispondiElimina
  13. MA TU SEI FUORI COME UN BALCONE!!!!! (si dice anche a San Francisco, sai??)
    Ah ah ah ah ah ah, mi fai morire, non oso immaginare i controlli, e Lazzarus multilingue... Semplicemente mitica!
    Tra parentesi, bellissimo questo pane. : )

    RispondiElimina
  14. Ciao a tutti e grazie!!!
    Io e il mio fido Lazzarino siamo di nuovo in England...

    Un sorriso e buonissima settimana,
    D.

    RispondiElimina
  15. mitica con la pasta madre viaggiatrice, e che pane! Mi segno pure il libro visto che ci sto.

    RispondiElimina
  16. Anch'io una volta ho fatto un panc rustico :)
    La tua pagnotta ha un bellissimo aspetto.
    Ti volevo chiere una cosa..in base a quale criterio decidi la quantità di lievito naturale da impiegare nei tuoi pani e pizze?
    Ho visto altre ricette di pane nel tuo blog dove la quantità di lievito cambia, volevo capire a seconda di quale altra variabile :)
    Grazie!

    RispondiElimina
  17. Diletta, sto ridendo ancora dopo aver letto il tuo racconto di Lazzaro-viaggiatore...non oso immaginare cosa accade ai controlli dell'aeroporto!!! ^_^
    Bellissimo il tuo pane, lo proverò molto presto!!! ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  18. To lo fai col lievito madre, vedo. Io senza... ed è sempre buonissimo questo no-knead bread di Jim Lahey! Bellissima pagnotta con sorpresa!

    Sabrine

    RispondiElimina
  19. Ancora Grazie!

    Daphne, tutto dipende dal tipo di impasto che decido di utilizzare e dal tempo che ho a disposizione. Comunque in linea di massima uso dai 150 ai 250g di Lazzaro per gli impasti normali (con una lievitazione di 6-10ore) e 50-100g di Lazzaro per il pane senza impastare lasciandolo a lievitare per un minimo di 16-18 ore.

    Un sorriso nel vasetto,
    D.

    RispondiElimina
  20. io non so l'inglese.ma ho preso il libro e piano piano me lo sto gustando tutto quanto..:D solo che in casa il pane si mangia a rilento e io non lo posso fare:DDD questo però con lazzaro è splendido..dovrò scongelare la mia bimba pure io....:D

    RispondiElimina
  21. che bello voglio assolutamente provare!!!saluta il tuo fido amico Lazzaro per me!!!
    mi iscrivo subito tra i tuoi fallowers se ti va passa a trovarmi

    lacucinadiazzurra.blogspot.it

    RispondiElimina