martedì 9 febbraio 2010

I Cenci della Nonna Gianna

I Cenci

Domenica io e la mia mum come da tradizione in questo periodo, abbiamo fatto i cenci (o chiacchiere) con la ricetta della mia nonna! Quest'anno abbiamo trascinato nella catena di produzione anche P. dandogli un compito di grande responsabilità, la ripiegatura dei cenci su loro stessi a formare una sorta di fiocchetto (vedi foto) e devo dire che il mio bello se non se l'è cavata male...

CENCI della NONNA GIANNA
Per una caterva, se tirati sottili sottili

1kg Farina 00 (950g per impastare + 50g per tirare l'impasto)
100g Zucchero
100g Burro morbido a pezzetti
1 Bicchiere di vino bianco secco
3 Uova medie
1 Arancia
1 Limone
1 Pizzico di sale

Olio per friggere e zucchero a velo

Sulla spianatoia (o in una ciotola) mettere la farina e fare la fontana. Al centro di questa grattugiare la scorza del limone e dell'arancia ed aggiungere il resto degli ingredienti. Con una forchetta (o con le dita) iniziare ad impastare portando la farina dai bordi verso il centro e quando l'impasto ha assunto consistenza continuare a lavorarlo a mano sulla spianatoia per una decina di minuti, fino a quando è bello liscio ed elastico. Coprirlo con una ciotola e lasciarlo riposare almeno 30'. Trascorso il tempo del riposo, tagliare delle "fette" non troppo grosse dall'impasto, infarinarle usando i 50g di farina rimasti e tirarle con la nonna papera (l'Imperia) una tacca dopo l'altra arrivando fino all'ultima in modo che siano sottili sottili. Con una rotella dentata tagliare rettangoli larghi 4-5cm, praticare un piccolo taglio al centro (lungo 2cm), aprirlo e far passarvi passare un'estremità in modo che si formi una sorta di fiocchetto. Disporre su vassoi e friggere in olio profondo fino a quando sono belli dorati, asciugare su carta assorbente e cospargere di zucchero a velo.

IMPORTANTE: Si deve infarinare (eliminando la farina in eccesso, picchiettando) solo all'inizio, prima di iniziare a tirare le strisce, e poi basta. In questo modo man mano che queste si assottigliano, si asciugano i cenci non si appiccicano gli uni agli altri pur non essendo infarinati.

Un sorriso a pois,
D.

22 commenti:

  1. Belle queste tradizioni di famiglia! Buonissimi i cenci!

    RispondiElimina
  2. e' una vita chee non li mangio!! mi hai dato un'ottima idea!

    ciao

    RispondiElimina
  3. troppo buone. e mi piacciono così sottili. non come i cenci fiorentini, che spesso sono troppo grossi e grevi.
    la mia nonna emiliana faceva le sfrappole sottilissime... e squisite.

    vorrei essere lì a mangiarle

    RispondiElimina
  4. Anche da noi in Brianza si fanno le "chiacchere"
    per carnevale. La ricetta di mia madre è identica a quella di tua nonna. E la prossima settimana le devo preparare per mio nipote.
    Le tue sono riuscite perfette !!!

    RispondiElimina
  5. Ciao diletta...ma sono le chiacchere, o come s dice a Bolzano i crostoli di carnevale...io devo provare la ricetta di una mia amica ma vediamo se ci sta anche la tua!!!!
    see u!!!!!
    de

    RispondiElimina
  6. che buoni! preziose queste ricette familiari che si tramandano!

    RispondiElimina
  7. ma che belli tutti questi pois!!!! ciao diletta, mi hai rammentato che anche io ho qui una ricettina dei cenci da provare.... meglio che mi sbrigo, carnevale è alle porte!
    un sorriso a pois per ricambiare il tuo!
    ciao

    RispondiElimina
  8. Che belle chiacchiere ( o cenci, o crostoli, o bugie, o...etc, etc) un bel lavoro di gruppo!!! ^_^
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  9. Ecco perchè P. mi era parso così provato...

    RispondiElimina
  10. Simply wonderful!
    E anche la foto e' bellissima.
    :)

    RispondiElimina
  11. Concordo, bella la preparazione e la scelta della pasta tirata sottil...anche io la preferisco così. Grazie anche per i dettagli in merito all'uso della farina, che alla fine, sono quei particolari che fanno la differenza tra un successo e lo spatafascio eheheh
    Bravissime. Un sorriso infarinato ;P

    RispondiElimina
  12. 1) i pois sono strepitosi
    2) non puoi neanche immaginare che voglia di cenci abbia (io le chiamo chiacchiere, ma fa lo stesso)
    3) la mano di P. ha dato quel tocco in più

    RispondiElimina
  13. Brava...certe ricette non muogliono mai...sono bellissimi!!!! Un bacio Luciana

    RispondiElimina
  14. Dile, le ricette di famiglia riscuotno sempre la mia simpatia e poi le chiacchiere o cenci sono così buone ! P. ha fatto un bel lavoro ;)

    RispondiElimina
  15. Che bellissimi cenci... da sperimentare la tua ricettina...

    RispondiElimina
  16. Non ho mai preparato le chiacchiere me le adoro! Presto mi ci mettero' all'opera... Grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  17. i blog ultimamente sono pieni di leccornie carnevalesche che fanno venire subito voglia di mettere le mani in pasta come questi davvero golosisssssssssimi!!baci imma

    RispondiElimina
  18. che ruolo impegnativo! io non mi sarei spinta a tanto:DDDDD ma ha lavorato bene direi!:D

    RispondiElimina
  19. I cenci li ho fatti anni fa con la ricetta della suocera (molto simile alla tua)...poi ho lasciato perdere. Erano venuti perfetti...peccato però che ad un certo punto si sia rovesciato il portamestoli (e tutti i mestoli) dentro la padella dell'olio bollente. Da allora sono terrorizzata!!! Se abitassi più vicina "scipperei" i tuoi!!!!

    RispondiElimina
  20. Grazie a todos!
    Mi sa che questo week end si replica!

    Un sorriso,
    D.

    RispondiElimina
  21. io le amo cosi', sottili. Quest'anno quelle che ho mangiato non lo erano, io non le ho fattem e quindi mi godo i tuoi friabilissimi cenci. La ripiegatura e' perfetta! :)

    RispondiElimina
  22. anche io settimana prossima le preparo, proverò questa ricetta! baci Ely

    RispondiElimina