mercoledì 27 luglio 2011

Amaretti: Me Fifona


Giuro che questa volta ero psicologicamente pronta....avevo tutto: ottime mandorle, coloranti, polverine colorate e soprattutto la sua bibbietta....ma all'ultimo minuto si è insunuata nella mia mente la scena del fallimento totale e mi è mancato il coraggio!!! Vabbè lo ammetto: "Mi chiamo Diletta, ho fatto gli amaretti ma volevo fare i macaron e sono una fifona"....

Però sono considerati la versione italiana dai macaron (vale lo stesso??!!)....e poi sono venuti troppo troppo buoni!!!!

AMARETTI di José Maréchal
Per circa 35 biscotti

200g Farina di Mandorle (*)
150g Zucchero a velo
1 Albume (circa 30g)
1 tsp Essenza di mandorle amare
1tbsp Amaretto di Saronno

Accendere il forno a 180°C. Mescolare la farina di mandorle e lo zucchero a velo in una ciotola e aggiungere l'essenza di mandorle, il liquore e 2/3 dell'albume. Amalgamare bene con le mani e aggiungere il restante albume piano piano in modo da ottenere un impasto liscio e manipolabile (non deve essere nè troppo duro nè troppo morbido). Formare delle palline da circa 10-11g l'una e sistemarle su una placca rivestita con carta da forno searandole di qualche cm. Pizzicare delicatamente le palline per formare una piccola punta e infornarle subito per 12'. Sfornare e cospargere immediatamente con zucchero a velo. Una volta freddi, conservarli in scatole di latta.

Gli amaretti migliorano con il tempo....quindi vi consiglio di prepararli qualche giorno prima.

 (*) Per la farina di  mandorle: io l'ho preparata da me partendo da ottime mandorle Avola. Ho messo tutte le mandorle più metà dello zucchero a velo nel mixer grande e le ho sminuzzate il più finemente possibile. Ho setacciato tutto e la granella rimasta nel colino l'ho ripassata nel macina caffè con un cucchiaio dello zucchero a velo rimasto e l'ho setacciata.

Un sorriso croccante fuori e morbido dentro,
D.

29 commenti:

  1. Io preferisco gli amaretti a macaron. Per fortuna sei stata fifona così ti copio la ricetta :D

    RispondiElimina
  2. ti dirò la verità sono contenta che tu abbia "ripiegato" sugli amaretti, li preferisco decisamente ai macarons e poi i tuoi sembrano fantastici!
    Un abbraccio
    fra

    RispondiElimina
  3. A piedi Nudi e Fra, io ho la fissa per i macaron perchè li trovo chiccosissimi....però in quanto a gusto ameretti e paste di mandorla non li batte nessuno!

    Un sorrisone,
    D.

    RispondiElimina
  4. amaretti e mandorle...meraviglioso!!! li proverò anch'io, magari aggiungendo caffè o cioccolato...non so...

    RispondiElimina
  5. i macaron non li ho mai fatti..
    per il tuo stesso motivo....
    ergo, proveràò con gli amaretti!!
    ;-)
    un sorriso-come-ti-capisco

    RispondiElimina
  6. Anche io preferisco gli amaretti ai macaron! E poi questi sembrano perfetti: ben fatto!

    RispondiElimina
  7. come ti capisco, anche a me succede la stessa cosa, ci rinuncio ogni volta e vorrei farli, ma solo per puntiglio, non per altro, perché gli amaretti sono sicuramente più buoni, anzi io li adoro...ciao ;-)

    RispondiElimina
  8. Vado pazza per gli amaretti. Come sempre accade non penso mai di farli. rimedierò. Grazie!

    RispondiElimina
  9. io capisco la pssione per i macaron..ma questi affaretti qui sono una cosa spettacolare! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  10. Tempo fa' ed li avevo preparati i macaron...buoni e pericolosamente golosi...proprio come i tuoi amaretti :D
    Un abbraccio Chiara

    RispondiElimina
  11. che buoni! Diletta, ti confido un segreto..a me i macarons..:( Mangiati a Parigi, mi han lasciata piuttosto indifferente! ma un buon amaretto...mhhhhh!
    Questa foto è uno spettacolo!

    RispondiElimina
  12. Ciao,mi sono iscritta al tuo blog perche’ e’ molto interessante,e nel frattempo ti segnalo che sono in finale con una mia ricetta nel contest del blog di Tina http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ e ti chiedo se cortesemente puoi votarla.Per farlo unisciti al suo blog http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/clikka su VOTA LA TUA RICETTA PREFERITA e vota la mia ricetta che e’
    Un pizzico di ..q.b. : Cheesecake salata
    basta clikkare sul cerchiolino e poi su VOTE.
    A buon rendere!!

    RispondiElimina
  13. Il punto, Dyliush carizzima, è che macaroniche bisogna sentircisi. Io, che della Hepburn non ho proprio nulla, mi sento sempre più amarettosa, come te guardo estasiata quei cilindretti perfetti ma nel sacchetto finisce sempre che vi siano biscottoni rustici rustici. Un abbraccio da brava, bravissima.
    ps: tanto per, eh...a buon rendere?? eh che è?? uhssignùr.

    RispondiElimina
  14. beh dai consolati, io ero partita da una ricetta di baci di dama e sono arrivata ai macarons..ahhaha!! a volte capita..e poi gli amaretti sono la fine del mondo..io non ci resisto proprio!!..questi sembrano proprio buoni..brava!!

    RispondiElimina
  15. Marechal è una vera garanzia! e ppo perché fare dolci francesi se gli amaretti italiani sono così buoni? eh eh eh
    aspetto anche i macarons, sono sicuro che ti riusciranno bene anche quelli!

    RispondiElimina
  16. Who dares wins, they say... ;-)
    aspetto i macarons, anche se questi non sono niente male...
    ciao!!

    RispondiElimina
  17. Diletta, i macarons non sono difficili, basta seguire la tecnica, e il segreto e' lasciarli asciugare cosi' fanno i cosi' detti piedi quando si cucinano. Devo dire pero' che se non fosse che sono molto eleganti e si possono farcire con tanti gusti diversi, no li preferisco agli amaretti fatti in casa.

    Provero' questa ricetta, sembrano molto morbidi. Grazie!

    RispondiElimina
  18. Diletta, hai visto questo articolo di Helene di tartlette?

    http://issuu.com/helened/docs/demystifying_macarons_-_updated?mode=a_p

    RispondiElimina
  19. Sono fifona anche io e non ci ho mai provato a fare i macarons. E sono anche troppo rustica e troppo poco perfettina per riuscirci, quindi neanche ci provo. Mentre amaretti, brutti ma buoni e compagnia bella fanno proprio al caso mio.

    Baci, imperfetti :-)
    Alex

    RispondiElimina
  20. A tutti, Grazie!

    Federico, oddio mi sono dimenticata di te!

    Laura, vado subito a leggere!

    Alex, adoro la tua imperfezione! :)

    Un sorriso a todos,
    D.

    RispondiElimina
  21. HAi citato una trasmissione simpaticissima, e poi Riccardo Rossi mi fa morire :)

    In fondo in origine i macarns erano proprio delle paste di mandorla semplici, che solo recentemente si sono infighettati, quindi volev fare i macarons e li hai fatti :))

    Elvira

    http://unfiloderbacipollina.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. Belli! Pero'se mi permetti un consiglio piccolissimo, pero', prova a cercare le mandorle amare. Io ho la fortuna di trovarle e devo dire che è tutta un'altra cosa, rispetto all'essenza.

    Venendo alle cose serie, pero'... sai che i macarons non ho avuto mai neanche io il coraggio di provarli? Devo cedere, prima o poi: felice, per ora di non essere la sola... :)

    RispondiElimina
  23. ps. non funziona il link sulla bibbietta, peccato, ero curiosa. :)

    RispondiElimina
  24. Wiggi, grazie!

    Teresa, in effetti anche io riesco a trovare le armelline con facilità ma non le avevo in giro e così ho usato l'essenza!
    Ho sistemato il link...

    Un sorriso,
    D.

    RispondiElimina
  25. Li ho provati pure io. Viva Maréchal! Brava Scief...

    RispondiElimina
  26. ma poi chi l'ha detto che gli amaretti debbano essere un passo sotto i famosissimi macarons? io preferisco la versione nostrana, più sana, rustica, rassicurante. e i tuoi sembrano molto golosi...li farò! complimenti ;)

    RispondiElimina
  27. ciao sono cinzia ho visto la ricetta degli amaretti scusa la mia ignoranza ma cosa significa tsp e la chiara volevo sapere se e' montata a neve grazie e complimenti sei forte ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia,
      Tsp vuol dire cucchiaino è no, gli albumi non sono montati a neve!
      Grazie per essere passata di qui. Un sorriso.

      Elimina