giovedì 23 luglio 2009

Bagels...

Bagels

...integrali con semi di girasole, papavero e sesamo.

Ultimamente sono sempre incasinata e quando torno a casa la sera passo dalla cucina giusto per cenare al volo e poi crollo a letto. E per una cena veloce, i bagels sono perfetti. Ieri, che miracolosamente sono tornata a casa presto, ho deciso di farne un po' da congelare. La ricetta e' di Richard Bertinet (un nome una garanzia), tratta dal suo secondo libro "Crust".

La ricetta originale:

BAGELS
Per 12 bagels

200gr Farina 0
5gr Lievito di birra fresco
100gr Acqua

In una ciotola impastare gli ingredienti, formare una palla e lasciar lievitare a temperatura ambiente per 2 ore.

550gr Farina 0
10gr Sale
20gr Miele
250 gr Acqua
Lievito chimico o Bircabonato di sodio (facoltativo)
Semi di papavero o sesamo (facoltativo)

E ora le mie modifiche, il procedimento rimane uguale (sotto):

DILE'S BAGELS
Per 12 bagels

200gr Farina 0
5gr Lievito di birra fresco
100gr Acqua

In una ciotola impastare gli ingredienti, formare una palla e lasciar lievitare a temperatura ambiente per 2 ore.

400gr Farina 0
150gr Farina integrale
2Tbsp Semi di girasole
2Tbsp Semi misti (papavero, sesamo, lino)
13gr Sale
20gr Miele
300gr Acqua
Lievito chimico o Bircabonato di sodio (facoltativo)
Semi di papavero o sesamo (facoltativo)

Trascorse le due ore, unire al "lievito" la farina, il miele e i semi e aggiundendo l'acqua un po' alla volta, iniziare ad impastare nella ciotola. Aggiungere il sale. Appena gli ingredienti si combinano a formare un impasto rugoso, trasferirlo su una spianatoia e lavorarlo per 10-15 minuti fino a quando liscio ed elastico. Formare una palla, metterla nella ciotola infarinata e lasciare riposare 20 minuti. Infarinare leggermente la spianatoia, rovesciare l'impasto e dividerlo in 12 pezzi da circa 90-100gr ciascuno. Con ogni pezzo formare una pallina e fare un buco in mezzo aiutandosi con un mattarello. Basta spingere un'estremita' attraverso la pallina. Per allargare il buco, ruotare il mattarello in aria in modo che il bagel giri su se stesso. Il buco deve essere abbastanza grande perche' dopo con la lievitazione e la cottura tende a restingersi.

Bagels Collage

Allineare i bagels su un vassoio foderato con carta da forno e lasciare lievitare coperti con pellicola per 1 ora, fino a quando sono quasi raddoppiati. Nel frattempo accendere il forno a 240ºC e portare una capiente pentola d'acqua ad ebollizione. Aggiungere 1 cucchiaino di lievito chimico o bicarbonato per ogni litro di acqua (*) e quando l'ora e' trascorsa, immergere 2-3 bagels alla volta e cuocere 30-60 secondi per lato. Scolarli usando un mestolo forato e adagiarli su un panno da cucina pulito per asciugarli. Se lo si desidera, cospargerli con semi di sesamo o di papavero quando la superficie e' ancora bagnata. Infornare e cuocere per 10-15 minuti fino a quando sono belli dorati. Sfornare e lasciare raffreddare su una gratella.

(*) L'uso del lievito chimico o bicarbonato e' assolutamente facoltativo pero' migliora la consistenza e la coloratura dei bagels e conferisce loro la tipica lucentezza.

Un sorriso con il buco,
D.

21 commenti:

  1. Ecco una cosa che voglio assolutamente provare a fare con il lievito madre ^_^
    Non li ho mai assaggiati :)) mi incuriosiscono molto queste ciambelle :)

    RispondiElimina
  2. ma sono favolosi!!!! bravissima!!

    RispondiElimina
  3. Buoni anch'io li faccio . Vedo che la tua ricetta non prevede la bollitura prima di infornare!

    RispondiElimina
  4. A me i bagels piacciono moltissimo, e i tuoi mi sembrano invitanti: tu come li mangi?

    Buona giornata,
    Barbara

    RispondiElimina
  5. Senza parole, davvero :O
    Anzi 1: buonissimiiiiiiiiiiiii:)

    RispondiElimina
  6. buonissimi i bagse poi con questi grdienbti ancora di piu e ottima l'idea di congelarli!!!sono davvero perfetti,baci imma

    RispondiElimina
  7. Tu sei troppo, troppo, troppo, troppissimo brava. Ecchiessenefrega se non si dice.
    baci sgrammaticati
    ale
    P.S. e comunque, la storia delle ciambelle e dei buchi su Marte non funziona, giusto?????

    RispondiElimina
  8. Grazie everybody!

    Mary, anche questa ricetta prevede la bollitura.

    Barbara, io li mangio con tutto! Li taglio a meta' e li farcisco con quello che trovo nel frigorifero. Ultimamente bresaola e delle zucchine aglio olio e peperoncino che mi ha insegnato a fare mia mamma! Li fanno anche nella versione dolce con uvetta e cannella per la colazione...

    Ale Raravis, senti da che pulpito arrivano i complimenti!!Ma se produci a 1000!!! :)

    Un sorriso che ha un bagel anche per pranzo!!!
    D.

    RispondiElimina
  9. Brava Diletta, sono davvero eccellenti!

    RispondiElimina
  10. che belli!
    Ma cosa sento: bresaola e zucchineee? Chissa' che buoni farciti così!
    anche io prima o poi voglio provare a farli, ma dimmi la verita': si fa fatica a impastarli a mano? No perche' su questo sono troppo pigra!
    : )

    RispondiElimina
  11. Dileeeeeeeee, ma sono fantasticiiiiiiiiii!!! Il procedimento è uguale, uguale a quello dei tarallini bolliti pugliesi!!! e' proprio vero che tutto il mondo è paese... Un bacino taralloso,
    Ornella

    RispondiElimina
  12. Sono le 6 del mattino e non ho ancora fatto colazione, non aggiungo altro

    RispondiElimina
  13. Sara, non sono per nulla difficili da impastare. L'impasto non e' molto idratato! Prova

    Ornella, grazie. Diciamo che sono dei taralli giganti e morbidi!!

    Lydia, ma cosa diavolo ci fai in piedi cosi' presto???!!!

    Un sorrisone,
    D.

    RispondiElimina
  14. Che carini che sono!! Non li ho mai fatti. Li adoro con il salmone.
    Splendido quel sacchetto di carta!
    Un sorrisone anche a te
    Alex

    RispondiElimina
  15. Veramente intriganti ! E poi la foto ricorda un po' i cari vecchi cibi da strada di una volta. Complimenti davvero !

    RispondiElimina
  16. Li devo fare assolutamente ;-) Bellissime foto e grazie per i consigli

    RispondiElimina
  17. Daniela, Windsor25 agosto 2009 16:48

    Diletta ciao. Ma lo sai che i tuoi bagels sono bellissimi? Io ho provato la ricetta proprio mesi fa e non son usciti per niente bene. Io ho usato la farina forte (in assenza della 0) come dice il caro Bertinet (adoro i suoi due libri) ma che brutti! I bimbi li hanno divorati, il gusto era buono ma brutti brutti a vedersi. Mi sono cosi sconsolata che sono andata alla ricerca di altre ricette (piu' complicate fra l'altro) e poi, con la scusa che ora i bimbi sono a casa da scuola, non mi sono mai organizzata per via delle frequenti uscite che facciamo ogni giorno. Ma a vedere i tuoi mi sa che do' ai bagels un'altra chance. Chissa' dove ho sbagliato. Che dici la 0 e' migliore della strong? Mah. Ho visto anche i tuoi bei cookies (altro libro che voglio acquistare. Ne vale la pena?) e dovro' decisamente provarli. Buona settimana e a presto.

    RispondiElimina
  18. li ho fatti oggi con mia figlia di 6 anni. Sono buonissimi!!!

    il tuo blog è fantastico (a cominciare dal titolo!!)

    grazie e a presto :-)

    RispondiElimina
  19. Grazie ancora a tutti e scusate la lunga assenza!
    Daniela, allora li ha rifatti? Per il libro hummingbird...io ho fatto per ora solo i cookies e devo dire che sono stati spazzolati. Tra l'altro l'ho comprato su Amazon qualche tempo fa quando era in super offerta e quindi non mi sono posta problemi o letto le recensioni, cosa che di solito faccio sempre.

    Francesca, sono contenta che ti siano piaciuti!

    Un sorriso,
    D.

    RispondiElimina
  20. Daniela, Windsor13 ottobre 2009 08:20

    Li ho rifatti Diletta, non col la 0 ovviamente. Peggio del primo tentativ!. Di una bruttezza unica. Mi son fatta di quelle risate! Super piatti ed orrendi, buoni, ce li siamo pappati ugualmente ma...... Mi devono uscire belli prima o poi no? Sai cosa, il mio forno non scalda piu' di 230 gradi (ho uno di quelli oorendi con le piastre elettriche, largh. 50, proprio piccolo) e so che la temperatura e' di massima importanza quando si panifica. Bah, ti terro' informata su altre ricette ed esperimenti falliti. Buona giornata.

    RispondiElimina