martedì 1 dicembre 2009

Zuppa di Cavolo Nero

Zuppa di Cavolo Nero

Questa zuppa che è fra le mie preferite di questa stagione, l'abbiamo consumata domenica che è proprio stata una perfetta giornata autunnale: pioggia battente e freddo. E allora cosa c'è di meglio di una bella zuppa fumante che ti scalda il cuore?

E' una ricetta non difficile ma un po' lunghetta e l'unico problema, forse, sta nel trovare il cavolo nero, cosa che al di fuori della Toscana, può non essere very easy. Siccome noi ne consumiamo un bel tot, ce lo siamo piantato....anzi, lo ha piantato il mio brother che è l'agricoltore-giardiniere-green stylist di casa!

L'origine della ricetta è neanche a dirlo toscana ed è una delle poche ricette che mia mamma conserva scritte....ovviamente su un foglietto volante e senza dosi esatte...

ZUPPA di CAVOLO NERO
Per 8 persone

2 Ceppi di cavolo nero
2 Carote
2 Gambi di sedano
1 Cipolla (va bene anche il porro)
5 Spicchi di aglio
8 Patate medie
5 Tbsp passata o polpa di pomodoro
300g Fagioli bianchi di Spagna (secchi e messi a bagno la sera prima)
8 Fettine di guanciale (tagliate spesse 2-3mm)

Pane toscano abbrustolito
Olio extra vergine di oliva

Tritare finemente le carote, il sedano, la cipolla e l'aglio. In una pentola capiente mettere abbondante olio, le fette di guancila e gli odori tritati. Far rosolare e aggiungere le patate tagliate a dadini e continuare a rosolare. Aggiungere il pomodoro e le foglie sfilate del cavolo nero tagliate a listarelle (non più spesse di 1/2 cm), fare appassire. Aggiungere circa 1L di acqua bollente e far bollire un'oretta. Nel frattempo scolare e sciacquare i fagioli con acqua tiepida e cuocerli nella pentola a pressione per 45' dal fischio. Quando cotti, schiacciarne metà con una forchetta e aggiungerli tutti (con anche l'acqua di cottura) nella zuppa. Aggiustare di sale e far cuocere (sobbollendo piano) a lungo (per circa 3 ore dall'aggiunta dei fagioli). Servire con pane abbrustolito e una fetta di guanciale a testa e, se piace, aggiungere un giro di olio crudo.

Zuppa di Cavolo Nero

Un sorriso rustico e contadino,
D.

PS: Io non avevo del pane toscano e l'ho servita con un ottimo e croccante panfocaccia...home made.

17 commenti:

  1. che bontà io adoro la zuppa di cavolo nero, mi riporta immediatamente alla mia amata Toscana a caminetti accesi e profumo di boschi
    grazie per questa fantastica ricetta
    baci
    fra

    RispondiElimina
  2. Queste zuppe povere ma ricche allo stesso tempo mi piacciono molto! scusa il dubbio stupido ma i fagioli bianchi di spagna sono i cannellini?

    RispondiElimina
  3. Adoro il cavolo nero e tutte le zuppe che riesco a farci, inventandomele anche di sana pianta. Pensa che l'anno scorso ne ho fatta una con la rana pescatrice...commovente...la mia ragazza ancora la ricorda ehehe
    Complimenti quindi a te per la preparazione ma consentimi anche al brother...che merita davvero! Io sono capace di far morire una piantina solo con lo sguardo ahahaha

    RispondiElimina
  4. Oh, che bella ricetta invernale, adatta per le gelide sere di questo dicembre che inizia.
    Son proprio contenta di essere capitata su questo blog ;)

    RispondiElimina
  5. mi pareva poco toscano quel pane..
    ma che era, la tua stecca no knead? buona pero'!!

    RispondiElimina
  6. la zuppa di cavolo nero ha per me una storia...di errori!
    Infatti inizialmente la confondevo con la zuppa pestilenziale di cavolo diavolo della Compagnia dei celestini, poi ho confuso il cavolo nero con un altro tipo di cavolo che qui incampania chiamano nero, ma non e' il vostro, infine ho capito che se non torno in Toscana il vero cavolo nero me lo sogno :))

    Questa pero' e' la zuppa dicavolo nero che piu' in assoluto mi ha fatto venire piu' voglia. E sono le 11 di mattina :))

    RispondiElimina
  7. Oh, finalmente una zuppa come Dio comanda!!
    Mi piace l'aggiunta di fagioli bianchi e soprattutto del guanciale.
    Devo farla anch'io cosi', prima di perdere l'abitudine alle ricette saporite e vere.
    Niente aglio sul pane? Forse e' meglio di no, troppo prevalente....
    Complimenti alla filiera... (mamma, coltivatore, tu come cuoca)

    RispondiElimina
  8. Ottima ricetta, anche se la faro' senza guanciale (no meat), adoro la zuppa di cavolo nero. Mi hai dato un'ottima idea, perche' non piantarlo il cavolo nero? come ho piantato la rucola selvatica e ne e' nato un arbusto spettacolare, provo con il cavolo. A volte non si vede al di la' del proprio naso........ Grazie Diletta, big kiss

    RispondiElimina
  9. bella ricetta, bellissima e per me profuma di casa...un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  10. Bellezza, qui fervono i preparativi in tuo onore!!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao! e a tutti, grazie!

    Gloria, i faglioli bianchi di spagna sono quei fagioli bianchi bianchi, grossi e piatti. Non sono i cannellini.

    Un sorriso inzuppato,
    D.

    RispondiElimina
  12. 'giorno che mi presteresti il fratello giardiniere? non per il cavolo nero ma per i pomodori neri o gialli :D
    il cavolo nero lo trovo facilmente all'orto sotto casa anche se costa un mutuo.
    che voglia di prima mattina ma temo che farebbe ben a botte con il caffelatte

    RispondiElimina
  13. Col cavolo che lo trovo il cavolo nero.....
    Quando mi inviti?
    : )

    RispondiElimina
  14. Enza,te lo mando...pensa che io voglio piantare l'aglio nero!!!

    Sara, ti invito solo se arrivi con una vagonata di limoni meyer...

    un sorriso a todos,
    D.

    RispondiElimina
  15. praticamente una rivisitazione della ribollita, direi.
    devo rifarla al più presto anch'io, sto accumulando pane gluten free raffermo per procedere.
    bianchi di spagna invece dei cannellini? mi incuriosisce molto...

    brava, insomma!

    RispondiElimina
  16. Ci diamo alle zuppe del cavolo, eh?
    Un sorriso incavolato...;)

    RispondiElimina
  17. Io lo trovo qui, al mercato a Strasburgo, credo sia cavolo nero, ma non lo avevo ancora preso per mancanza di idee stuzzicanti sul come proporlo. Mi segno la tua ricetta, grazie a te e alla mamma toscana :-)

    RispondiElimina