lunedì 8 novembre 2010

Pan Dolce con Marzapane, Uvetta e Frutta Secca


Sweet Bread with Marzipan, Raisins and Nuts

Come sapete è un po' che panifico, focaccifico e pizzifico con Lazzaro, il mio lievito naturale, e devo dire che i risultati sono sempre molto buoni anzi, ultimamente non ne sbaglio una!! Se sul fronte salato mi ritengo più che soddisfatta, sul fronte dolce non posso dire altrettanto; ho accumulato una serie così lunga di flop che ad avere una testa normale avrei già dovuto battere in ritirata e sottoscrivere un trattato di pace con panettoni, pandori, croissants, brioche e chi più ne ha più ne metta. In realtà tengo la capa tosta e quindi la guerra è ancora aperta e a volte capita anche a me di vincere qualche battaglia, come con questo pan dolce su cui non nutrivo alcuna speranza di riuscita. E invece....è venuto soffice e buono come mai mi sarei aspettata.

PAN DOLCE con MARZAPANE, UVETTA & FRUTTA SECCA
Per uno stampo da plum cake da 30 cm

350g Farina forte (Rieper Gialla)
200g Lievitino (*)
50g Latte
80g Zucchero
2 Uova
1 Tuorlo
120g Burro morbido
6g Sale
80g Frutta secca (noci, nocciole, pinoli, mandorle)
60g Uvetta
40g Rum
100g Marzapane

In una ciotola capiente setacciare la farina ed unire il lievitino, il latte e lo zucchero. Mescolare con un cucchiaio di legno e poi incominciare ad impastare con le mani. Aggiungere un uovo alla volta e poi il tuorlo, facendo sempre assorbire prima dell'aggiunta successiva. Continuare ad impastare fino a quando l'impasto si presenta liscio ed elastico. Impastando a mano questa è la parte più difficoltosa perchè specialmente all'inizio l'impasto è appiccicoso. Se preferite potete anche adottare questo metodo: impastare per 1 minuto e lasciare riposare l'impasto per 10-15 minuti, così fino a quando si forma la maglia glutinica e l'impasto si struttura (praticamente non appiccica più alle mani nè alla ciotola). Trasferire l'impasto sulla spianatoia e spatolare su di essa 1/3 del burro morbido. Impastare passando l'impasto sul burro fino a quando questo non venga assorbito tutto. Fare la stessa cosa con il burro rimanente. Aggiungere il pizzico di sale con l'ultimo terzo di burro. Quando la pasta è liscia, morbida ed omogenea metterla a lievitare fino al raddoppio in una ciotola unta di burro.
Nel frattempo ammollare l'uvetta nel rum e sminuzzare grossolanamente la frutta secca. Al raddoppio, riprendere l'impasto e stenderlo sulla spianatoia in un quadrato di 30 cm; cospargerlo con l'uvetta sgocciolata, 60g di frutta secca e posare su un lato il marzapane modellato in un filoncino di 26cm. Partendo dal lato con il marzapane arrotolare il pan dolce e metterlo nello stampo infarinato. Lasciare lievitare fino a quando raggiunge il bordo dello stampo (o lo supera di poco), spennellarlo con latte e tuorlo, cospargere con il resto della frutta secca e 1 manciata di granella di zucchero. Cuocere in forno a 170°C per 35 minuti circa.
Sfornare, lasciare intiepidere per qualche minuto, sformarlo e lasciarlo raffreddare del tutto su una gratella.

(*) Per il lievitino: in una ciotola unire 75g lievito madre, 75g farina forte, 75g acqua e mescolare bene. Coprire con pellicola e lasciare maturare per 12-18 ore a temperatura ambiente.
Io ho impastato la mattina, ho lasciato lievitare in una ciotola nel forno spento (senza lucina accesa) fino a sera (l'impasto era più che raddoppiato), ho formato e messo a lievitare tutta la notte nel forno (sempre con lucina spenta).
Sweet Bread with Marzipan, Raisins and Nuts - Slice
L'unico neo è che l'uvetta e la frutta secca non si sono distribuite omogeamente nella pasta....questo perchè non ho asciugato bene l'uvetta dopo averla scolata. Si possono pensare molti ripieni diversi da quello che vi ho proposto (solo uvetta, gocce di cioccolato etc...) oppure lasciarlo semplice senza alcuna aggiunta se non quella di qualche aroma (vaniglia, mandorla, limone, cannella etc); in questo caso direi di aumetare la quantità di zucchero a 100g.
Un sorriso soffice,
D.
PS. Giusto per tenervi aggiornati sui flop...dopo questa botta di c..o e sentendomi ancora euforica ho voluto provare ad impastare i croissant con la semola di Roberto....ho provato metà semola e metà farina forte ma niente, è stata una disfatta: sapore ottimo ma un po' gnucchi e per niente sfogliati...quindi 1-1 e palla al centro!!
NOTE:
  • Per chi volesse usare il lievito di birra:
    indico le grammature degli ingredienti che variano, gli altri rimangono uguali così come il procedimento.
    400g Farina
    80-100g Latte
    15g Lievito di birra
    Ovviamente anche i tempi di lievitazione cambiano, calcolare circa 1h30'-2h sia per la prima che per la seconda lievitazione.
  • Prova di Virginia, La Spilucchina:
    L'ho fatto, in una versione più povera (con sola uvetta) ma l'ho fatto! Ed è strepitoso...
    Di seguito qualche annotazione:
    - non avevo voglia di fare il lievitino e avevo già un lievito sufficientemente arzillo per cui ho iniziato l'impasto direttamente da quello. Ho aggiunto di conseguenza 60g di latte in più;
    - facendolo di sola uvetta ho portato questa a 130g e ho aumentato di 15g anche lo zucchero;
    - ho messo 20g di burro in più perchè sono una zozzona e usando l'impastatrice non ho fatto il procedimento del burro spatolato ma l'ho semplicemente messo a lavorare a pezzetti (e rigorosamente a temperatura ambiente come il resto degli ingredienti);
    - per la cronaca ho fatto la prima lievitazione durante la notte (12 ore circa) e la seconda dal mattino al pomeriggio (6-7 ore).

23 commenti:

  1. guarda, questo dolce mi rappresenta al 100%..tra l'altro mi ricorda un dolce natalizio delle mie parti..ahime' a daniele ,uvetta e marzapane non piacciono...quindi lo guardo , tiro un sospiro e me lo gusto con gli occhi!!!!!
    un abbraccio e buon inizio settimana,de

    RispondiElimina
  2. Lo stollen, ecco a cosa ho pensato leggendo gli ingredienti :)
    Mi consoli: anche qui, sul fronte dolce, grosse disfatte con la pm! Abbracci lievitati

    RispondiElimina
  3. Oh Dile, non demordere.
    Però secondo me quelli con lazzaro non vengono come dovrebbero.
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. Dile, sono io che sono cecata o non c'è il rimando all'asterisco sul lievitino??? Ultimamente mi metterei a rifare tutto quello che proponi!

    RispondiElimina
  5. Daisy e Reb....lo stollen è vero!!! Non ci avevo mica pensato....

    Lydiuzz, in effetti penso proprio che sia Lazzaro il colpevole...quanto prima riprovo usando il lievito di birra!

    Wiggi, non sei ciecata, sono io che ho lasciato indietro un pezzo...ho sistemato.

    Un sorriso grazie,
    D.

    RispondiElimina
  6. Un delizia questa tua ricetta, ciao

    RispondiElimina
  7. Fai bene ad essere capa tosta...sono sicura che tra poco vedremo il risultato del 2 a 1 ^_^

    RispondiElimina
  8. Quanto mi piace questo pane!!!! Splendido!!! Lo devo provare assolutamente senza glutine!

    Grazie Diletta :-)

    RispondiElimina
  9. meraviglioso questo pane..... e per i croissant riprovaci, non mi sembri la persona che si arrende al primo tentativo :-))))

    RispondiElimina
  10. Beh, è un capolavoro!Alla faccia dei flop...

    RispondiElimina
  11. Ottimo! Ora ho tutto per mettermi all'opera!

    RispondiElimina
  12. Io ho iniziato a usare il lievito(non fatto da me ovviamente perchè ancora non so nemmeno come si fa a farlo! ;-) )ma nonostante questo, quando una ricetta non m iriesce, mi intestardisco a tre mila e ci provo e ci riprovo finchè no nci riesco. Adesso sono lale prese con i pangoccioli, e finchè non ho trovato la ricetta giusta non mi do per vinta! Ma poi voglio rpovare il pan dolce perchè sembra davvero una delizia! :-D

    RispondiElimina
  13. Chissà che profumo. Dalle foto è proprio soffice. Riuscitissimo davvero, complimenti!
    Anch'io con i croissant ho fallito una volta, ma il tentativo seguente è (miracolosamente) riuscito! Quindi non scoraggiarti dai! :)
    A presto, baci
    Agnese

    RispondiElimina
  14. Ciao!
    Sono Silvia...sono arrivata al tuo Blog passando dal blog di Federico (Il Preboggion).
    Vorrei provare a fare questo pane ma senza utilizzare il lievito madre...Quanto lievito normale posso utilizzare?
    Grazie!!
    Ciao
    A presto!

    RispondiElimina
  15. Grazie a tutti!!

    Silvia, usando il lievito di birra la ricetta va un pochino modificata. Ti indico le gramature degli ingredienti che variano, gli altri rimangolo uguali così come il procedimento.
    400g Farina
    80-100g Latte
    15g Lievito di birra.
    Ovviamente anche i tempi di lievitazione cambiano, calcola circa 1h30'-2h sia per la prima che per la seconda lievitazione.
    Se lo provi fammi sapere!

    Un sorriso,
    D.

    RispondiElimina
  16. Anche per me stessa storia con il lievito madre, mi vengono bene i lievitati salati e un disastro quelli dolci: se sono soffici hanno un sapore che ricorda qualcosa di acido e se sono gnucchi hanno un buon sapore... io ci ho rinuciato, però questo pane mi tenta :-)

    RispondiElimina
  17. Ok!!! :o) Grazie mille!!! :o)

    RispondiElimina
  18. Diletta che meraviglia di pane dolce hai preparato la morbidezza "buca" lo schermo! Bellissimo! Un bacione e buona serata
    Dani

    RispondiElimina
  19. Complimenti, anche a Lazzaro... sembra buonissimo!!!

    RispondiElimina
  20. L'ho fatto, in una versione più povera (con sola uvetta) ma l'ho fatto! Ed è strepitoso...
    Di seguito qualche annotazione:
    - non avevo voglia di fare il lievitino e avevo già un lievito sufficientemente arzillo per cui ho iniziato l'impasto direttamente da quello. Ho aggiunto di conseguenza 60g di latte in più;
    - facendolo di sola uvetta ho portato questa a 130g e ho aumentato di 15g anche lo zucchero;
    - ho messo 20g di burro in più perchè sono una zozzona e usando l'impastatrice non ho fatto il procedimento del burro spatolato ma l'ho semplicemente messo a lavorare a pezzetti (e rigorosamente a temperatura ambiente come il resto degli ingredienti);
    - per la cronaca ho fatto la prima lievitazione durante la notte (12 ore circa) e la seconda dal mattino al pomeriggio (6-7 ore).

    Grazie Dile!

    RispondiElimina
  21. Dimenticavo di dire che ho messo anche una stecca di vaniglia!

    RispondiElimina
  22. Anch'io non sono ancora andata oltre il salato con il l.m. ma questo pane cosi' caloroso, un po' nordico forse mi spingerà più in là :-)

    RispondiElimina
  23. meraviglioso questo pan dolce!
    i tuoi dolci mi piacciono moltissimo, sempre, e questo mi sa che te lo copierò presto: sono in crisi creativa su pani e affini, figurati che ultimamente sto facendo il pane con la MdP (orrore!)

    RispondiElimina